Gruppo AVM: in attivo i dati di bilancio 2017

13 Giugno 2018

Gruppo AVM: in attivo i dati di bilancio 2017

Confermato il trend positivo nei risultati di tutte le società del Gruppo della mobilità veneziana

 

 

Venezia, 13 giugno 2018 – Grande soddisfazione per i dati di bilancio consolidato 2017 del Gruppo AVM, Azienda Veneziana della Mobilità.

Tutte le società del Gruppo AVM (AVM, ACTV, VELA) hanno registrato un utile di esercizio, per un risultato consolidato di Gruppo superiore ai 2,6 milioni di euro e un valore della produzione di oltre 300 milioni di euro.

L’ottima performance raggiunta, grazie anche all’andamento positivo della domanda, è frutto del continuo perseguimento degli obiettivi di efficientamento della struttura dei costi e di efficacia nella ricerca e sviluppo dei ricavi; questo è stato possibile sia con l’effettivo incremento dei volumi di vendita che attraverso il recupero dell’evasione, in continuità con il Piano Industriale definito dal Gruppo a seguito della forte riduzione dei contributi regionali degli anni scorsi.

Nel presentare i risultati il Direttore Generale del Gruppo, Giovanni Seno, e l’Assessore al Bilancio e Società Partecipate del Comune di Venezia, Michele Zuin, hanno voluto evidenziare innanzi tutto il perseguimento del piano di razionalizzazione societario voluto dall’Amministrazione che ha comportato l’estinzione della Società PMV, le cui funzioni sono state così ripartite: infrastrutture tram e approdi, confluite in AVM, e depositi terrestri, confluiti in Actv. Inoltre è stato confermato il trend positivo nei risultati, ormai consolidati per tutte le Società del Gruppo negli ultimi quattro anni, grazie anche ai quali è stato inoltre possibile migliorare progressivamente la posizione finanziaria e consentire il necessario finanziamento dell’ambizioso Piano Investimenti, iniziato nel 2017 e che si svilupperà soprattutto nel triennio 2018-2020, confermando così la validità degli sforzi profusi dal Gruppo nel suo complesso.

Nel dettaglio:

  • AVM, chiude il bilancio con un valore della produzione di 254,5 milioni di euro ed un utile pari a 1,3 milioni di euro;
  • ACTV ha chiuso il 2017 con un valore della produzione pari a 227,9 milioni di euro ed un utile di esercizio pari a 1,3 milioni di euro;
  • VELA ha registrato un valore della produzione pari a 25,7 milioni di euro ed un utile di 26 mila euro, grazie all’incremento della vendita del ticketing del trasporto pubblico, alla crescita della rete di distribuzione (diretta e indiretta) e alla capacità di ricavare valore dall’organizzazione di manifestazioni ed eventi cittadini.

Il Direttore Generale del Gruppo AVM, Giovanni Seno, sottolinea inoltre il grande sforzo profuso dalle Società del Gruppo in termini di maggiori servizi offerti al pubblico, in particolare:

  • Nell’ambito dei servizi navali, al fine di permettere una migliore fruibilità del servizio sia a residenti e pendolari che ai turisti, sono state proposte 1.200 corse in più al mese, rispetto ai programmi di esercizio, è stata introdotta la linea 1 barrato, lungo il Canal Grande, e sono state rinforzate le linee 3 e 6, per i collegamenti veloci con le isole maggiori oltre ad aver l’introdotto delle corsie preferenziali sui principali approdi cittadini (il cosiddetto priority);

Nell’ambito dei servizi automobilistici, oltre a migliorare ulteriormente le modalità di interscambio tra servizio urbano e servizio extraurbano a P.le Cialdini, a Mestre Centro - che, grazie al servizio tranviario, ha permesso di riposizionare alcune corse di autobus incrementando l’offerta sulle linee a maggior domanda, riducendo così la propria quota di smog e dando una risposta concreta alla domanda di mobilità - è stato avviato un significativo piano di rinnovo del parco autobus, con l’assegnazione della gara di 30 nuovi veicoli. Sono inoltre iniziate le procedure per tradurre in opera il nuovo progetto relativo all’adozione di autobus elettrici nell’isola del Lido, che rappresenta il primo passo verso la trasformazione della mobilità pubblica insulare in mobilità eco-sostenibile. Infine, ma non da ultimo, l’introduzione dei biglietti integrati che consentono, grazie agli accordi con Trenitalia, MOM e Atvo, l’utilizzo dei servizi indifferenziati per meglio collegare la città storica con la terraferma, anche attraverso il servizio ferroviario, oltre che con Treviso e tutti i centri del litorale della provincia di Venezia.